La Rocca di Lonato del Garda

La Rocca di Lonato e il Museo Casa del Podestà.

Lonato del Garda (BS). Via Rocca n. 2.

Il paese di Lonato del Garda è spesso messo in disparte a favore del vicino Desenzano del Garda, sulle sponde dell’omonimo lago. Ma non per questo manca di fascino o attrattive, anzi! Oltre ad una multisala di tutto rispetto, una pista di go-kart e un grande centro commerciale, vi sono anche luoghi intrisi di storia: sto parlando dell’incantevole Rocca di Lonato e dell’adiacente Museo Casa del Podestà, entrambe di proprietà della “Fondazione Ugo Da Como”.

Il parco di fronte alla Rocca di Lonato.
Il parco di fronte alla Rocca di Lonato.

Abbiamo deciso di visitare questi ultimi in una ventilata domenica di luglio, sotto un sole che non lasciava scampo. E infatti eravamo davvero in pochi visitatori (tanto meglio, abbiamo potuto muoverci in completa libertà e scattare foto suggestive!).

Abbiamo scelto il biglietto cumulativo: benché la Rocca di Lonato sia davvero ben tenuta e offra degli scorci magnifici, ciò che più ci interessava era la Casa del Podestà, di cui avevamo letto ottime recensioni.

Ma andiamo con ordine…

Rocca di Lonato

La Rocca di Lonato viene edificata a partire dal X secolo, in una posizione strategica dal punto di vista difensivo e militare, sulle colline moreniche che dominano il paese di Lonato, in provincia di Brescia.

Nel corso degli anni, la Rocca passa nelle mani dei conti di Montichiari, degli Scaligeri e dei Visconti, per poi divenire di proprietà dei Gonzaga agli inizi del 1400, e successivamente della Repubblica di Venezia. Dopo il 1509, torna in possesso dei Gonzaga, ed è proprio in questi anni che soggiorna nella rocca Isabella d’Este, moglie di Francesco II Gonzaga. Soltanto nel 1920 la Rocca di Lonato viene acquista dal senatore Ugo Da Como, e in seguito diventa di proprietà della fondazione a lui dedicata.

Ulivi nella Rocca di Lonato

All’interno della Rocca di Lonato, e precisamente nella Casa del Capitano nella Rocchetta, è presente il Museo Civico Ornitologico, che contiene circa 700 esemplari di volatili, imbalsamati e perfettamente conservati.

La Rocca può anche essere scelta come location per matrimoni e cerimonie di vario genere, approfittando di una tensostruttura (che garantisce una splendida vista!) nelle giornate più fredde o del vasto giardino nella bella stagione. Ospita anche eventi a tema, come ad esempio Fiori nella Rocca e Fiabe nella Rocca.

La Rocca di Lonato

Museo Casa del Podestà

Questo edificio sorge a metà del 1400 come sede del rappresentante di Venezia. Dopo la cessione di Venezia all’Austria, la Casa del Podestà passa prima agli austriaci e solo poi al Comune di Lonato, che la abbandona a se stessa. Nel 1906 viene acquistata a un’asta da Ugo Da Como, che decide di farla restaurare dall’architetto Antonio Tagliaferri (lo stesso del Castello Bonoris). Ugo Da Como vi abita fino alla sua morte, nel 1941.

La Casa del Podestà a Lonato

La Casa del Podestà è una Casa Museo che conserva tutt’oggi gli arredi del Senatore Ugo Da Como, amante del collezionismo e soprattutto dei libri. La Casa ospita infatti una raccolta di circa 50.000 volumi, tra i quali manoscritti, codici miniati e altre rarità, sapientemente catalogati e a completa disposizione degli studiosi; si tratta di una delle biblioteche private più importanti d’Italia. Mi è venuta la pelle d’oca nel vederla.

La Casa del Podestà a Lonato

La Casa è composta da una ventina di stanze, una più bella dell’altra (ma è la biblioteca a restarti davvero nel cuore), e la visita guidata dura all’incirca un’ora. Ci tengo a precisare che le guide della Fondazione Ugo Da Como non sono persone pagate, bensì volontari che ci tengono a trasmettere con passione una storia sconosciuta ai più.

Attenzione: all’interno della casa-museo non è possibile scattare foto. Io non ero stata avvertita, perciò mi è toccato subirmi un richiamo dalla guida. Evitate! Potete invece immortalare gli esterni della casa.

* * * * * * * * * * * * * * *

Nonostante questa giornata ci abbia messo a dura prova, soprattutto per il gran caldo, è stato davvero interessante scoprire questo angolino della provincia di Brescia, finora da noi ignorato. È sorprendente quante cose meravigliose ci circondano, non trovate? Spesso le scartiamo a priori o le riteniamo di scarso valore, e invece…

Jess


Informazioni utili:

Rocca di Lonato:

Orari: Aperto tutto l’anno (escluso Natale e Capodanno).
1 giugno / 30 settembre: tutti i giorni 10 / 18.30
1 ottobre / 31 maggio: sabato e domenica 10 / 12 e 14.30 / 18.30 (altri giorni su richiesta)
Prezzi:
Intero €. 5,00
Ridotto (fino a 12 e oltre 65 anni) €. 2,00.
Cumulativo Rocca + Museo intero €. 8,00
Cumulativo Rocca + Museo ridotto (fino a 12 e oltre 65 anni) €. 5,00
Cumulativo Rocca + Museo Gruppi/Convenzionati (possessori di carte convenzionate – FAI, Touring Club Italiano -, comitive di adulti costituite parzialmente da bambini e/o over65) €. 6,00
Ingresso gratuito per capigruppo, insegnanti accompagnatori, possessori di tessera ICOM in corso di validità.
Accessibilità: Accessibile solo in parte ai disabili su sedia a rotelle.
Parcheggio: Noi abbiamo lasciato la macchina al Parcheggio del Corlo, in Via dei Fanti. È il più vicino, e di posti ce ne sono in abbondanza per una giornata di normale affluenza.
Bar:
WC: Presenti.

Museo Casa del Podestà:

Orari: Aperto tutto l’anno (escluso Natale e Capodanno), tutti i giorni 10 / 12 e 14.30 / 18.30
Prezzi:
Intero €. 6,00
Ridotto €. 3,00
Cumulativo Rocca + Museo intero €. 8,00
Cumulativo Rocca + Museo ridotto (fino a 12 e oltre 65 anni) €. 5,00
Cumulativo Rocca + Museo Gruppi/Convenzionati (possessori di carte convenzionate – FAI, Touring Club Italiano -, comitive di adulti costituite parzialmente da bambini e/o over65) €. 6,00
Ingresso gratuito per capigruppo, insegnanti accompagnatori, possessori di tessera ICOM in corso di validità.
Accessibilità: Ci sono strette scale che portano al secondo piano.
Parcheggio: Vedi sopra.
Bar:
WC: –

Sito ufficiale Fondazione Ugo Da Como
Pagina Facebook Fondazione Ugo Da Como 

Ti potrebbe interessare anche...

Il Lago di Tenno, una perla a due passi da Riva del Garda. Tenno (TN). Poco distante da Riva del Garda c’è un piccolo gioiellino incastonato nel verde: il Lago di Tenno. Ammetto di essere stata scettica,...
Il fascino medievale del borgo di Castell’Arquato. Castell’Arquato (PC). Ho avuto il piacere di visitare Castell’Arquato, borgo arroccato su una collina della Val d’Arda, in un caldo pomeriggio sett...
Heller Garden: un giardino “folle” a due passi dal Lago di Garda. Gardone Riviera (BS). Via Roma n. 2. Sulla sponda occidentale del Lago di Garda, a pochi passi dal ben più noto Vittoriale degli Italiani, si trova...
Il Parco Grotta Cascata Varone. Tenno (TN). Località Le Foci n. 3. Il Parco Grotta Cascata Varone è qualcosa che non ti aspetti. Inaugurato nel 1874 e tappa fissa per i “grandi...

6 commenti su “La Rocca di Lonato e il Museo Casa del Podestà.”

  1. Bellissimo questo articolo, scritto bene e con molte informazioni a carattere pratico. In effetti Desenzano è molto più conosciuta, ma non sempre i posti più conosciuti sono i migliori.

  2. Grazie! Mi hai fatto scoprire un luogo che non conoscevo, uno di quei deliziosi angolini che l’Italia regala inaspettatamente un po’ dappertutto. Il post ricco anche di suggerimenti pratici mi ha incuriosito, e se farò un viaggetto da quelle parti non mancherò di includere una visita a Lonato.

    1. Grazie a te Valeria 😊 mi fa piacere averti fatto conoscere un nuovo posticino. Quelli poco battuti spesso sono sottovalutati, e invece talvolta sono dei veri gioiellini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.