Scattare foto nei musei è vietato?

Scattare foto nei musei italiani è davvero vietato?

Scattare o non scattare, questo è il dilemma…

Lo ammetto, io non mi sono mai fatta tanti scrupoli, limitandomi a riporre in borsa la macchina fotografica soltanto quando un chiaro divieto ne proibiva l’utilizzo. Poi mi sono beccata un richiamo durante la mia visita guidata al Museo Casa del Podestà e, per un istante, ho desiderato con tutta me stessa sprofondare nel pavimento. Sono una ragazza particolarmente timida e il rimprovero, oltre a tutti quegli occhi puntati addosso, mi ha fatto vergognare moltissimo! Da quel momento ho iniziato a documentarmi a dovere e per evitarvi simili, spiacevoli situazioni, ho pensato di condividere con voi tutto quello che ho “scoperto”.

Fotografie nei musei: cosa dice la legge italiana.

Nel 2014 è stato approvato il cosiddetto “Decreto Cultura”, che, tra le tante cose, ha aggiunto all’art. 108 del D. Lgs. n. 42 del 22/01/2004 il seguente comma:

3-bis. Sono in ogni caso libere le seguenti attività, svolte senza scopo di lucro, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale:

1) la riproduzione di beni culturali diversi dai beni bibliografici e archivistici attuata con modalità che non comportino alcun contatto fisico con il bene, né l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose, né, all’interno degli istituti della cultura, l’uso di stativi o treppiedi;

2) la divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte a scopo di lucro, neanche indiretto.

Perciò via libera, salvo espresso divieto, agli scatti amatoriali con smartphone e reflex. Ricordatevi, però, di togliere il flash!

Educazione, questa sconosciuta.

La buona educazione, di questi tempi, non è una cosa tanto scontata. Ma immagino che tutti voi sappiate che un cavalletto piantato nel mezzo di una sala affollata non è il massimo della simpatia, né per voi, né per gli altri visitatori che si dovranno spostare, ammassare e spintonare per evitarvi (tra insulti vari ed eventuali).

Ecco, non è carino nemmeno piazzarsi in un punto e passarci svariate decine di minuti alla ricerca dello scatto perfetto, impedendo la visuale a chiunque altro. O fare selfie a rotazione accanto a un’opera, soprattutto se si è un gruppo di 10 persone con qualche problema di fotogenia.

Tutte queste regole ovviamente non valgono se vi trovate in un museo di paese con tre visitatori totali.

In conclusione…

Fotografare nei musei è possibile se:

  • non utilizzate attrezzature professionali,
  • non fate uso del flash,
  • non disturbate il resto dei visitatori,
  • non rivendete o utilizzate le foto a scopo di lucro,
  • non è espressamente vietato (di solito c’è un cartello all’ingresso o alla cassa).

Se volete scattare in completa tranquillità, comunque, vi consiglio di chiedere conferma al momento dell’acquisto del biglietto, oppure di controllare sul sito web prima della vostra visita.

E se anche voi avete un blog, sappiate che è buona educazione chiedere il permesso prima della pubblicazione di un articolo con fotografie scattate all’interno di musei (io solitamente mando una semplice e-mail, ma se volete essere più formali ben venga). Sempre meglio che incappare in qualche spiacevole sorpresa!

Jess

Ti potrebbe interessare anche...

Booking: istruzioni per l’uso. Booking.com, da quando ho iniziato a viaggiare in autonomia, rappresenta la salvezza. Quando ho bisogno di cercare una sistemazione, ormai vado sul...
Cosa fare quando piove: 5 idee per salvare la giornata. Si sa, le giornate di pioggia non sono il massimo del divertimento, soprattutto se capitano nell'unico giorno libero della settimana. Che nervi, vero?...
Come prenotare le vacanze da soli in 5 passi + 1. Al giorno d’oggi, come ben sapete, sempre più persone scelgono di prenotare le vacanze da soli, senza l’appoggio di un’agenzia viaggi, che sia per il ...
Il weekend fuoriporta: cosa metto in valigia? Donne, considerato che (il più delle volte) gli ometti devono ricordarsi giusto un paio di boxer e lo spazzolino da denti, mi rivolgo voi. Se la va...

6 commenti su “Scattare foto nei musei italiani è davvero vietato?”

  1. Grazie della condivisione! Io di solito chiedo all’ingresso se posso fare foto, e se durante la visita decido che pubblicherò un post a tema chiedo in reception uscendo, oppure mando una mail. Non so se sia ancora così visto che sono passati anni, ma a certe mostre in Russia mi è capitato che volessero dei soldi per ciascuno scatto (controllavano il numero all’uscita, ma bastava essere veloci a sostituire la scheda SD della macchina fotografica poco prima di uscire 😂).
    Il cavalletto è occupazione di suolo pubblico, quindi così come in esterni ci vuole sempre il permesso, suppongo che anche nei musei occorra consultare qualcuno prima di poterlo introdurre 🙂

    1. Davvero?! Mi verrebbero a costare cari, allora, i musei russi! Ottimo il trucco della scheda SD. 😂 Sai che non conoscevo la questione dei cavalletti? Pensavo che in esterni si potessero usare a piacere… Grazie dell’informazione!

      1. Me l’hanno spiegato a un corso di fotografia, infatti quando poi dovevo andare in giro per Milano a fare foto “per compito” cercavo sempre di fare veloce per non incappare in dei vigili 😄 Nessuno mi ha mai detto nulla in realtà (al massimo vedendo il disagio dei compitini si sarebbero fatti una risata), invece una volta dentro la stazione centrale sono stata fermata da uno delle ferrovie che non credeva alla storia della scuola e ho dovuto smettere! Quindi è meglio saperlo 🙂

        1. Ma dai 🙈🙈🙈
          Fantastici i compitini fotografici! 😄
          Per quanto riguarda la stazione, non è per motivi di sicurezza che non permettono di fotografare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.